Acquaterrari

Dalla Costa d'Avorio il nostro socio Francesco Zezza condivide con noi alcune foto, video ed una breve descrizione dei bellissimi Cardisoma armatum.

 

fz_terr01

 

Caratteristiche della vasca

Marca:

Artigianale, tutto vetro (spessore 10 mm). Coperchio (in due sezioni) in “compensato marino”.

Avviamento:

Maggio 2001 (credo).

Dimensioni :

cm 80*40*40 = litri 128 (nominali), volume acqua effettivo con livello 15 cm = litri  48

Fondo:

Ghiaia di piccola pezzature, sassi, radici.

Filtraggio:

Eheim “vintage” (credo un 2213). Materiali filtranti “tradizionali”: cannolicchi + ovatta sintetica.

Riscaldamento:

Termostato 25 watt (considerare il volume d’acqua effettivo!)

Illuminazione:

Lampada: N° 1 Cool White 18 watt.
Lampada: N° 1 Reptistar 18 watt (UVB 5%).
Durata massima SEI mesi, vitale per il corretto sviluppo e fissazione del calcio (ossa e carapace).

Impianto CO2:

No

Accessori:

Timer luci.

Acqua:

Acqua di rubinetto non trattata. Forti  rabbocchi in estate. Condensa elevata in inverno

 

Piante

Qt.

Nome Scientifico

Sinonimi e nomi comuni

Note

1

Scindapsus sp.

Pothos

Gruppo di piante, soffre (ad onta della veloce crescita) la “convivenza”, mangia un po’ di nitrati (benché non necessario del tutto) ed attenua parzialmente l’effetto “cratere lunare” della vasca …

Esemplari ospitati

Qt.

Nome Scientifico

Sinonimi e nomi comuni

Note

1

Pelomedusa subrufa.

African “side-neck” turtle (tra gli altri)

 

supposto maschio

 

         

 

Visto che si tratta di una “cosa” relativamente conosciuta aggiungo qualche breve informazioni per “inquadrare” meglio ...

Posizione tassonomica:

  • Regno: Animalia
  • Phylum: Chordata
  • Classe:            Reptilia
  • Sotto-classe:   Anapsida
  • Ordine:           Testudines
  • Sub-ordine:     Pleurodira
  • Famiglia:        Pelomedusidae
  • Subfamily:      Pelomedusinae
  • Genere:          Pelomedusa
  • Specie:           Pelomedusa subrufa

Biotopo di appartenenza: Africa (ma non solo): Etiopia, parte meridionale dell’Arabia Saudita, Yemen, Sudan e poi sino al confine del Ghana ed ancora Senegal, Mali, Nigeria, Camerun, fino al Sud Africa  (Provincia del Capo). Viene segnalata anche in Madagascar. Ad oggi si conoscono tre (diverse) “sotto-specie” geografiche:

Alimentazione: mangia “di tutto” (fondamentalmente sostanza animale), in natura: crostacei e lumache, piccoli pesci, anfibi, piccoli rettile e (se riesce) uccelli e mammiferi.  Nella mia vasca: insetti vivi (che raccolgo in giardinoe che so essere NON “trattati” in alcun modo):, filetti di pesce (persico ed altro), carne magra (meglio bianca come il pollo), cibo in pellets. Somministro anche compresse per loricaridi (!!!) per garantire un certo apporto di sostanza vegetale.

Compagni di vasca: NON ho esperienze con esemplari della stessa specie (possibili problemi di territorialità?) per il resto: TENERE DA SOLA!!!

... ed ora – per finire – alcune immagini:

{phocagallery view=category|categoryid=10|imagecategoriessize=5}